Entre Ríos, Garibaldi e il cinema italiano

Nella 5ta edizione di "Italia en 24", l’Ambasciata ha presentato la provincia di Entre Ríos e si è parlato di cinema, turismo e imprese. E della storica presenza italiana nella terra di Urquiza, dell’attività culturale dei Comitati della Dante e le benemerite società italiane.

Il governatore della provincia argentina di Entre Rios, Gustavo Bordet, è stato ospite mercoledì sera dell'ambasciata d'Italia a Buenos Aires, dove ha illustrato i punti di forza dell'economia provinciale e auspicato la crescita di iniziative comuni italo-argentine in settori a forte potenziale come l'industria cinematografica e il turismo.

E’ stato il quinto appuntamento del ciclo “Italia en 24”, programma promosso dall’Ambasciata d’Italia con ognuna delle 24 province argentine per far incontrare esponenti della politica, dell’economia e della cultura con imprenditori e controparti italiane o di origine italiana, per promuovere conoscenze, collaborazioni e progetti comuni.

Dando il benvenuto al governatore Bordet, l'ambasciatore d'Italia Giuseppe Manzo ha indicato che "anche ad Entre Rios la presenza della comunità italiana, forte di almeno 6.000 connazionali, è un elemento che sostiene, fra le altre cose, la produzione agricola provinciale".

"Chi non conosce il miele di Entre Rios?", ha poi sottolineato, aggiungendo il turismo ai settori economicamente significativi di questa provincia. Ed in proposito Manzo ha ricordato che "fra pochi giorni l'Italia presenterà nella Fiera internazionale di turismo (Fit 2019) di Buenos Aires una Guida speciale dedicata al 'Turismo delle Radici', attraverso cui gli argentini di origine italiana potranno visitare la Penisola per scoprire i luoghi da cui sono partiti i loro antenati".

Il diplomatico italiano ha infine segnalato la presenza fra gli ospiti dell'evento di Roberto Stabile, responsabile delle Relazioni internazionali dell'Anica (Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali) indicando che il 15 ottobre comincerà il 2/o Festival internazionale del cinema di Entre Rios in cui vi sarà una sezione speciale dedicata all'Italia. “Quale miglior strumento per promuovere un territorio se non il cinema?”, si è chiesto l’’Ambasciatore, ringraziando Il FICER per aver dedicato all’Italia questa seconda edizione del Festival. Manzo ha ricordato che l’industria italiana del cinema, ha un fatturato annuo di quattro miliardi di euro e che è pronta a collaborare con quella di Entre Rios nel suo sviluppo.

Il governatore Bordet da parte sua ha ringraziato l'Italia per "l'impegno che manifesta per lo sviluppo delle relazioni con l'Argentina" che, ha spiegato, "non sono solo economiche ma culturali, sociali ed umane, in una provincia dalle grandi tradizioni di apertura all'emigrazione e di costruzione della democrazia". Justo José de Urquiza, personalità storica di grande rilievo, nato in quella provincia, fu il primo Presidente costituzionale dell’Argentina, oltre ad essere stato militare, e grande promotore delle scienze e delle arti nella sua Entre Ríos.

Al riguardo ha ricordato che Giuseppe Garibaldi navigava lungo i fiumi Paraná e Uruguay prima di rientrare in Italia per affrontare le battaglie per l’Unità. Ha sottolineato l’antica e apprezzata presenza italiana fin dalla metà del XIX secolo nella sua provincia, che contribuì grandemente al suo sviluppo, in particolare nel settore agropecuario. Il governatore, che ha ricordato di essere cittadino italiano per via materna, ha parlato inoltre dell’influenza culturale italiana nella sua provincia, che viene assicurata, tra l’altro, dai numerosi e attivi comitati della Dante Alighieri. Ed ha messo in risalto l’opera che storicamente hanno svolto le società italiane, nella vita sociale, culturale ed e economica di Entre Rios

 

IL  FESTIVAL

 

Il II Festival  Internazionale del Cinema di Entre Ríos, si svolgerà tra il 15 e il 19 ottobre in quella provincia. La segretaria di Turismo e Cultura, Carolina Gaillard, ha detto che Entre Ríos è una provincia che offre tante possibilità ai turisti e anche agli amanti della cultura e che è impegnata, su iniziativa di Bordet, nella promozione dell’industria cinematografica e multimediale. Riguardo al Festival, ha sottolineato che l’Italia è ospite d’onore, sia per l’influenza culturale italiana nella Provincia, sia perché si compiono 100 anni della nascita di Federico Fellini.

L’Italia sarà presente al Festival con una sezione dedicata ai grandi film e un’altra ai nuovi registi.

Nella foto, dal sito dell'Ambasciata, l'ambasciatore Giuseppe Manzo e il governatore di Entre Ríos Gustavo Bordet