L'Argentina di origine italiana

26-01-2018 | Attualitá

Cambio di Ambasciatori a Buenos Aires

Teresa Castaldo è partita per la sede di Parigi. Giuseppe Manzo nuovo ambasciatore italiano a Buenos Aires. Di GIOVANNI JANNUZZI*

In questi giorni, l’Ambasciatrice d’Italia, Teresa Castaldo, ha lasciato Buenos Aires per raggiungere la sua nuova e prestigiosa sede di Parigi. Teresa Castaldo é stata tra noi poco piú di quattro anni e ha svolto un lavoro davvero straordinario. É riuscita a mantenere le relazioni italo-argentine a un livello amichevole e a difendere i nostri rilevanti interessi anche nei difficili anni kirchneristi. Poi ha potuto avvalersi della nuova atmosfera determinatasi colla vittoria di Cambiemos e coll’avvento alla Casa Rosada di Maurizio Macri, un figlio di italiani che ha riaperto l’Argentina al mondo e in particolare alle amicizie tradizionali.  Ora avrá a Parigi un compito molto impegnativo. Francia e Italia sono Paesi vicini e amici, uniti dall’appartenenza alla NATO e all’Unione Europea, ma anche da vincoli storici millenari, da una comune radice culturale e da intensi scambi economici, che raggiungono i 100 miliardi di dollari l’anno. Insieme, costituiscono uno dei due lati del triangolo che, colla Germania, costituisce la base portante dell’Europa.

Le auguriamo pieno successo, sicuri che le sue qualitá brilleranno di viva luce nella nuova sede.

Al posto di Teresa Castaldo, il Governo italiano ha scelto per Buenos Aires Giuseppe Manzo. É uno dei piú brillanti tra i giovani diplomatici italiani. Ha 51 anni e un curriculum di tutto rispetto. Ha prestato servizio in sedi di grande importanza, come New York e Washington, spesso nel settore della stampa e delle comunicazioni, che ha poi diretto al Ministero, ma ha anche esperienza di cooperazione. Era attualmente ambasciatore a Belgrado, una delle sedi piú complesse e rilevanti per la diplomazia italiana. La Serbia é la nostra dirimpettaia nell’Adriatico e ad essa ci legano intensi rapporti sia politici che economici e culturali. La sua nomina in Argentina costituisce, per Giuseppe Manzo un riconoscimento della qualitá eccezionale del suo lavoro.

Buenos Aires é infatti, per un Ambasciatore italiano, una vera sfida. Pochi Paesi al mondo hanno, come l’Italia e l’Argentina, cosí stretti e profondi legami di sangue, di cultura, di industria. In nessun altro Paese la Comunitá di origine italiana ha altrettanto peso e rilievo. Ma Buenos Aires non é nel giro delle relazioni europee e atlantiche che rendono i rapporti tra Capi di Governo e Ministri rispettivi frequenti e diretti. L’Ambasciatore ha perció un ruolo personale spesso decisivo e la maniera in cui lo svolge fa la differenza. Non é una sede per paurosi o per indifferenti.

Giuseppe Manzo ha tutte le qualitá per riuscire. A lui vanno i piú sinceri e affettuosi auguri di buon lavoro e di pieno successo.

*Giovanni Jannuzzi è stato ambasciatore d'Italia in Argentina tra il 1998 e il 2001

Comentarios

Envie sus Comentarios

Ingrese codigo de seguridad: