L'Argentina di origine italiana

07-06-2017 | Attualitá

Giugno, mese italiano in Argentina

Contro il freddo invernale è cominciato in tutta l’Argentina il “Verano Italiano”

Fine di settimana di celebrazioni, in apertura di un mese italianissimo in Argentina.

Cominciando con la presentazione e l’avvio di "Verano Italiano" la grande rassegna di eventi culturali italiani, le celebrazioni della Festa della Repubblica Italiana e della Giornata dell'Immigrante italiano in Argentina, la Settimana del Cinema Italiano contemporaneo e Buenos Aires Celebra Italia.  Sono i principali appuntamenti e rassegne (ma non gli unici  dato che anche istituzioni private e autorità e comunità dell'interno dell'Argentina hanno organizzato altri programmi e manifestazioni) che vengono proposte nel mese di giugno quando in Argentina arriva l’inverno. Ma che  questo fiorire di eventi italiani, italici, trasforma in “Verano Italiano”.

La collettività italiana in Argentina è sempre rimasta molto attaccata all’Italia, pur integrandosi profondamente nella società argentina. Per questo motivo già negli anni ‘60 del secolo scorso celebrava numerosa la Festa dell’allora giovane Repubblica Italiana nel Teatro Coliseo e un decine di manifestazioni organizzate in seno alle associazioni italiane in tutta l’Argentina.

Poi agli inizi degli anni '80  nacquero varie iniziative per mettere in risalto il ruolo determinante dell'immigrazione italiana nella costruzione dell'Argentina.  Così tra gli anni '80 e '90 furono approvate varie iniziative tra le quali la Giornata dell'Immigrante italiano  su iniziativa del senatore di San Juan Alfredo Avelin (che non aveva antenati italiani) approvata dal "Congreso Nacional" nel 1995 e da celebrare in tutta l'Argentina il 3 Giugno di ogni anno. Data che come è noto, è quella della nascita di Manuel Belgrano, Padre della Patria dell'Argentina figlio di liguri di Oneglia, scelta anche per la vicinanza col 2 Giugno.

Un altro antecedente fu una legge della Città di Buenos Aires, su iniziativa della dirigente della comunità calabrese Irma Rizzuti, allora consigliere comunale di Buenos Aires e oggi addetto culturale dell’Ambasciata Argentina a Roma. Tale legge stabili che  ogni anno, la prima settimana di giugno, fosse dedicata a rassegne e manifestazioni culturali italiane.

Una iniziativa molto simile è stabilita da una legge della Provincia di Buenos Aires, che prevede però che le manifestazioni legate agli Italiani o alla cultura italiana, si tengano nel.mese di ottobre. In altre province esistono norme o tradizioni simili a queste due.

Cinque anni fa, su iniziativa dell'allora console generale d'Italia a Buenos Aires, Giuseppe Scognamiglio, fu organizzata in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura e con il Governo della Città di Buenos Aires, la prima edizione di Verano Italiano, poi diventato grande rassegna culturale italiana  in tutta l’Argentina su interessamento dell’amb. Teresa Castaldo.

Quest’anno, ancora una volta, Castaldo insieme alle autorità della Fondazione Coliseum, all’addetto Culturale dell’Ambasciata Maria Mazza e al ministro alla Cultura del Governo della Città di Buenos Aires, partner principale dell’iniziativa fin dalla prima edizione, ha presentato la nuova rassegna, sempre ricca, sempre variata e aperta ad un pubblico ogni anno più numeroso, che combatte il freddo dell’inverno argentino, con il Verano Italiano.

Nella fotografia, Giorgio Alliata di Montereale, vicepresidente della Fondazione Culturale Coliseum, l’ambasciatore Teresa Castaldo, il ministro alla Cultura della Città di Buenos Aires Angel Malher e Iva Zanicchi, la famosa artista venuta per cantare al Coliseo nella Festa della Repubblica, durante la presentazione del programma di “Verano Italiano”. (Foto Cristina Borruto)

Il programma completo di Verano Italiano può essere visionato in questo link:

http://www.iicbuenosaires.esteri.it/iic_buenosaires/resource/doc/2017/05/verano-italiano.pdf

Comentarios

Envie sus Comentarios

Ingrese codigo de seguridad: