L'Argentina di origine italiana

01-05-2017 | Italiani in Argentina

Il Presidente Mattarella arriverà in Argentina. Lunedì 8 al Coliseo l’incontro con la collettività

Il Capo dello Stato arriverà questa domenica prossima e inizierà le attività ufficiali lunedì 8, con l’omaggio in Piazza San Martin e la visita alla Scuola Italiana Cristoforo Colombo. Poi ci saranno il colloquio con il Presidente Mauricio Macri nella Casa Rosada, l’apertura di un workshop con imprenditori italiani e argentini, e dopo altri incontri istituzionali, l’appuntamento nel Teatro Coliseo con la comunità italiana. Martedì andrà a Bariloche per visitare l’Invap col quale l’Italia ha un accordo di collaborazione in campo spaziale e la Scuola Dante Alighieri di quella ci

Per la sesta volta nella storia delle relazioni italo-argentine, arriverà in Argentina per una visita ufficiale il Presidente della Repubblica Italiana. Sergio Mattarella, 12º Presidente della Repubblica, eletto il 3 febbraio 2015, è palermitano e nacque nel capoluogo siciliano il 23 luglio 1941.

Il Capo dello Stato arriverà a Buenos Aires domenica 7 maggio, giorno dedicato ad alcune visite private, tra le quali il Parco della Memoria e il Museo della ESMA, luoghi simbolici degli anni tragici della dittatura.

Lunedì inizierà le attività ufficiali, con la visita alla Scuola Italiana Cristoforo Colombo e poi seguirà l’omaggio al Generale San Martin, nell’omonima piazza. Prima di mezzogiorno arriverà nella Casa Rosada, dove sarà accolto dal Presidente della Nazione Argentina, Mauricio Macri, che lui ha già conosciuto a Roma, quando il presidente argentino si recò a visitare Papa Francesco e Mattarella lo accolse al Quiriniale.

Dopo il colloquio, i due Presidenti presenzieranno la firma di una serie di accordi tra i due paesi. Mattarella sarà accompagnato dal ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano. Quindi Macri offrirà un pranzo in onore dell’illustre ospite e delle sua delegazione.

Nel pomeriggio il Capo dello Stato italiano parteciperà all’inaugurazione di un incontro tra impreditori italiani e argentini, che si terrà nel “Palacio San Martín”, al quale sarà presente Ivan Scalfarotto, Sottosegretario allo Sviluppo economico del governo Gentiloni. Sarà il secondo viaggio di Scalfarotto a Buenos Aires, accompagnando missioni economiche italiane.

Poi ci sarà l’incontro con la collettività italiana nel Teatro Coliseo. Sono già state distribuite tutte le entrate per la manifestazione, che comprenderà anche un concerto musicale con una parte dedicata all’Italia e un’altra all’Argentina. Sergio Mattarella si rivolgerà ai presenti e attraverso loro ai milioni di italiani e loro discendenti che fanno dell’Argentina il paese con la pipu grande comunità italiana e con con quasi 900mila passaporti,  il maggior numero di cittadini italiani residenti fuori d’Italia.

Martedì il Presidente della Repubblica partirà per la volta di Bariloche, la capitale della Patagonia andina, centro turistico e polo scientifico e tecnologico. E’ proprio qui l’interesse principale del primo viaggio di un presidente italiano nella città. Infatti, a Bariloche si trova la sede dell’INVAP, Istituto di ricerca e sviluppo tecnologico che in accordo con l’Agenzia Spaziale Italiana, e con l’omologa argentina CoNAE, costruisce i satelliti argentini del sistema SIASGE (Sistema Italo-Argentino di satelliti per la gestione di emergenze) di monitoraggio spaziale, per la prevenzione e gestione di emergenze. Si tratta di una costellazione di sei satelliti (quattro italiani e due argentini), che insieme costituiscono un sistema di osservazione che può monitorare tutta la terra in 12 ore, offrendo la possibilità – come disse qualche mese fa il presidente dell’ASI, Roberto Battiston – di trasformare i dati ottenuti in ricchezza.

Mattarella visiterà anche l’Istituto Dante Alighieri, la scuola italiana fondata nel 1980 dall’Associazione Italiana Nuova Italia di Bariloche, nata a sua volta, nel 1921-

Da Bariloche, il presidente italiano partirà alla volta di Montevideo, peruna visita ufficiale di due giorni in Uruguay.

La visita di Mattarella in Argentina era prevista inizialmente in occasione delle celebrazioni del 200º anniversario dell’Indipendenza, il 9 luglio dell’anno scorso, ma il suo viaggio, che era iniziato in Messico, fu interrotto a causa dell’attentato in Bangaldesh dove morirono nove italiani. Mattarella rientrò in Italia per le esequie delle vittime. Ora arriverà a Buenos Aires, dopo i suoi predecessori Giovanni Gronchi, Giuseppe Saragat, Sandro Pertini, Luigi Scalfaro e Carlo Azeglio Ciampi.

 

Comentarios

Envie sus Comentarios

Ingrese codigo de seguridad: